Il Cafè Alzheimer

Il progetto

L’Alzheimer è la causa più comune di demenza della popolazione anziana e, a guardarla da vicino, ha i connotati di una vera e propria pandemia sottaciuta. Nel mondo si verifica un caso di demenza ogni 4 secondi, i numeri sono elevatissimi: si parla di 7,7 milioni di pazienti l’anno. Una questione dai contorni agghiaccianti se si considera il trend di invecchiamento della popolazione e i numeri del rischio: la probabilità di demenza riguarda un over 65 su 8  aumenta con il passare degli anni travolgendo un over 85 su 2,5. Eppure, di questa patologia se ne sente parlare troppo poco. Il senso di “vergogna” non fa che aggravare la situazione.

Occorre, quindi, agire al più presto per superare lo stigma legato alla malattia e predisporre infrastrutture per la popolazione che siano supporto effettivo e capillare tanto per i pazienti quanto per i caregiver. E’ proprio con questa ambizione che nasce il Cafè Alzheimer. Il  progetto, totalmente gratuito,è stato ideato da  Medical Center Onlus, nella persona della Dott.ssa Angela de Angelis, in partenariato con il distretto sanitario dell’ambito di Trebisacce e in raccordo con i servizi socio sanitari locali. In concreto, grazie all’iniziativa,  le persone fragili e i loro familiari che siano residenti nei comuni ricadenti nell’ambito del Distretto Sanitario Ionio Nord potranno beneficiare di un punto di ascolto permanente in cui non solo si può accedere ad un supporto psicologico specializzato ma si può essere guidati nel destreggiarsi al meglio  tra i servizi del territorio. Gruppi di mutuo aiuto, gruppi di supporto, una linea telefonica a cui rivolgersi: sono soltanto alcune delle declinazioni concrete del Cafè Alzheimer.

it_ITItalian