Sant’Anna

La struttura

Il “Sant’Anna” è un centro diurno socioriabilitativo per disabili.“Sant’Anna” è ubicato in Francavilla Marittima (CS) alla Via XV Giugno n. 66.

Si tratta di una struttura assistenziale semiresidenziale per soggetti parzialmente o totalmente non autosufficienti, che svolge attività di sostegno alle famiglie in difficoltà, attività organizzative e relazionali, di riattivazione e mantenimento delle residue capacità del portatore di handicap, avendo come scopo quello di mantenere il più a lungo possibile la persona nel suo ambiente di vita.

La struttura al fine di migliorare la qualità della vita del portatore di handicap si propone il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • Utilizzazione, valorizzazione ed eventuale, ulteriore possibilità residue, finalizzata all’inserimento dell’handicappato nell’ambiente sociale esterno;
  • mantenimento e miglioramento delle abilità cognitive e relazionali e riduzione dei comportamenti problematici dei soggetti ospiti;
  • sostegno e coinvolgimento della famiglia nell’opera socioeducativa per evitare l’istituzionalizzazione del soggetto;
  • sviluppo delle attività socioeducative finalizzate a favorire l’accrescimento dell’autonomia, della mobilità, della comunicazione, dell’educazione affettiva, quali elementi che supportano l’occupazione e l’integrazione sociale;
  • incremento e mantenimento di livelli di autonomia funzionale nell’ottica del contrasto con i processi involutivi e a favore, quando è possibile, della frequentazione di strutture esterne, sportive e sociali;
  • sviluppo di competenze globali finalizzando l’azione al raggiungimento di obiettivi significativi mediante percorsi e progetti personalizzati anche in funzione di un possibile inserimento lavorativo.

Per realizzare tali obiettivi, all’interno del centro, sono assicurate:

In ogni caso, la flessibilità nella gestione quotidiana delle attività è un elemento imprescindibile date le caratteristiche e la variabilità dell’utenza e può essere realizzata solo grazie ad un’organizzazione del lavoro elastica e con pochi vincoli. L’equipe ha infatti l’autonomia nell’arco della giornata o di più giornate, di scegliere quando effettuare determinati interventi compatibilmente con la disponibilità, le condizioni e la motivazione dell’handicappato.


Modalità di ammissione:

Le domande di ammissione al Centro Diurno, inoltrate dall’interessato o, se questo è impossibilitato, dai familiari, sono indirizzate al Sindaco e vanno presentate all’Ufficio Servizi Sociali del Comune. Sono redatte secondo gli schemi in distribuzione presso il Centro e devono essere corredate dai documenti richiesti nonché da ogni altro documento che possa servire a meglio definire le condizioni sociali e sanitarie del futuro utente. Gli operatori del Servizio Assistenza Domiciliare, in collaborazione con l’Ufficio Servizi Sociali, completano l’istruttoria della domanda. Il responsabile del settore autorizza l’accesso al Centro Diurno, sino a che sussistano le condizioni che l’hanno determinata.

Dimissioni:

L’utente viene dimesso nel momento in cui vengono a mancare i presupposti che causarono l’inserimento, sia per quanto attiene le condizioni del disabile, che per quanto attiene a quelle del suo ambiente familiare, in accordo col medico curante, con gli eventuali altri servizi territoriali e con la famiglia, la quale sottoscrive con l’utente l’accordo stesso. Il disabile o la famiglia possono, comunque, decidere di rinunciare alla frequenza in qualsiasi momento.

Apertura e funzionamento:

Il Centro ha carattere continuativo e permanente. Viene garantita l’accoglienza diurna per minimo 6 ore giornaliere organizzata secondo l’esigenza dell’utenza all’interno della fascia oraria compresa tra le ore 7,30 e 20,30 per tutti i giorni della settimana, con esclusione dei festivi.

Per scoprire di più scarica la nostra carta servizi

it_ITItalian